Gears 5: la guerra continua – Recensione

Parliamo oggi di un titolo che ha lasciato molti a bocca aperta, sorprendendo piacevolmente i videogiocatori e gli appassionati della serie. Si tratta di Gears 5, il nuovo capitolo della saga Gears of War, il quale è disponibile dal 6 Settembre 2019 per PC ed Xbox. La serie è un’esclusiva di Microsoft conosciuta da anni, e anche quest’anno grazie agli sviluppatori di Black Tusk Studios non è stata da meno. Ma scopriamo insieme cosa ne pensiamo all’interno della recensione.

Gears 5 – Recensione

Gears 5 si avvale del motore grafico Unreal Engine 4 e ci racconta, con spettacoli scenari e avvincenti scontri, la storia di un personaggio tormentato. Stiamo parlando della protagonista, Kait Diaz, che dovrà disobbedire ai suoi superiori per scoprire cosa lega lei e i suoi incubi allo Sciame. Ma soprattutto, dovremo aiutarla a svelare il mistero che sta per scontrarsi con la nostra realtà, di nuovo in pericolo.

Meccaniche

Il gioco si evolve dal precedente capitolo, continuando la storia lasciata sospesa nell’ultimo titolo. La campagna si compone di circa 10 ore di gioco per il suo completamento, e di qualche ora in più nel caso di missioni secondarie. Anche qui il finale, che dovrebbe aiutare a svelare alcuni misteri del titolo, o comunque alcuni aspetti dei protagonisti, resta sospeso e non abbastanza esaustivo. Ovviamente un finale sospeso prospetta un nuovo capitolo, sempre ben voluto, ma che lascia un pizzico di insoddisfazione. Detto questo, il multiplayer si avvale di modalità cooperative a 3 giocatori, molto divertenti e ricche di azione, e le classiche partite veloci e classificate. In sintesi, Gears 5 si è sicuramente evoluto, nonostante qualche pecca, riuscendo ad ereditare a pieno l’apprezzamento dei giocatori.

Gameplay

Chi ha giocato ai precedenti Gears of War conosce grosso modo gli aspetti del combattimento di questo sparatutto in terza persona. Si tratta, infatti, di uno spara, corri, riparati, che è un po’ quello che l’ha reso famoso. Però, c’è da dire che piccole aggiunte ai dettagli hanno migliorato il gameplay. Stiamo parlando dell’utilizzo del coltello per scontri ravvicinati e di armi sempre più distruttive. Inoltre, durante la campagna vedrete aprirsi nuovi scenari che spiegano alcuni dettagli della nostra protagonista tormentata. Il tutto viene accompagnato da un’ambientazione decisamente spettacolare graficamente, da lasciare a bocca aperta. Anche se qualche ambiente sembra un po’ forzato, perdendo la sua naturalezza destata dalla storia del titolo. Detto questo, Gears 5 è bello, è divertente ed è esplosivo, quindi cosa state aspettando?

Conclusioni

Gears 5 è sicuramente un gioco ben fatto, così come lo sono stati tutti i precedessori della serie. In particolare, la grafica, le ambientazioni e la cura nei dettagli di quelli che sono i punti forti del gioco. Infatti, il nuovo capitolo si divide in una parte in cui vediamo scenari a noi familiari e scontri epici, d’altra parte vediamo un “tentativo” di aggiungere qualcosa al titolo fuori dalla sua routine. Per esempio, il viaggio tramite un veicolo permette di ammirare un percorso visivamente impressionante, ma che spezza il ritmo senza motivo (non ne aveva bisogno). Il comparto online è molto divertente, e su questo non avevamo dubbi fin dall’inizio. Quindi è un gioco che si presta moltissimo al multiplayer e che lascia soddisfatti i fan e chi si approccia alla serie per la prima volta.

Ti potrebbe interessare anche...