Automachef, progettiamo la nostra cucina – Recensione

Automachef è un titolo sviluppato da Hermes Interactive e pubblicato da Team17. Il gioco è stato creato con Unity, e come raramente accade, quest’ultimo è stato sfruttato in maniera decisamente ottimale. Il titolo è disponibile su Steam dal 23 Luglio 2019. Il genere appartiene agli indie di simulazione incentrato sui rompicapo gestionali, in particolare dovremo progettare le nostre cucine e i nostri macchinari, e vederli prendere forma.

Automachef – Recensione

Automachef nasce dall’idea di incentrare le capacità dei giocatori nella risoluzione di particolari rompicapi culinari. Infatti, bisognerà progettare macchinari e cucine che producano il necessario al completamento degli obiettivi, rispettando determinate condizioni (di cui parleremo fra poco). Il titolo risulta essere un’idea originale ed ambiziosa nel suo genere, scopriamo insieme nella nostra recensione cosa ne pensiamo a riguardo.

Meccaniche

Il gioco si avvale di quattro modalità e di una sezione dedicata alle mod, facilmente scaricabili dal workshop di steam. Ogni modalità prevede diverse funzioni ed una variazione della partita prevista nella campagna.

  • Campagna“: Il gioco ci introdurrà nel vero gameplay, guidandoci con un breve tutorial alle funzioni principali ed ai macchinari fondamentali per la realizzazione della nostra cucina. Dopodiché affronteremo varie sfide ed obiettivi sempre più complessi all’avanzare dei livelli.
  • Modalità Contratti“: Alcuni ristoranti hanno deciso di investire sulla nostra azienda e di offrirci un contratto per la realizzazione di una cucina, il nostro obiettivo sarà sfruttare il budget a disposizione per completare gli obiettivi imposti dagli investitori e comprare nuovi macchinari.
  • Editor di scenari“: In questa modalità potremo dare sfogo alla nostra creatività e alla voglia di imporci una sfida. Infatti potremo creare una sfida tutta nostra, o scaricare scenari creati da altri utenti, e rendere più intrigante la nostra esperienza di gioco.
  • Terreno di Prova“: Non siamo ancora molto esperti del titolo e abbiamo bisogno di esercitare le nostre abilità e di testare nuovi progetti. Per fortuna possiamo utilizzare uno scenario di prova per verificare le nostre capacità attuali.

Gameplay

Diamo il via alla vera partita, è il momento di creare e progettare la nostra cucina per poter superare tutti gli scenari della campagna. Il nostro obiettivo sarà quello di completare alcune sfide proposte dal titolo, come il numero di ordinazioni, la quantità di ingredienti ed limite di consumo energetico del nostro lavoro. Quindi dovremo utilizzare il minor numero di macchinari ed ingredienti per ottenere un progetto efficiente ed economico. Nel nostro gameplay saremo accompagnati da un simpatico robot, ossessionato dall’idea di essere un umano, che ci darà suggerimenti per comprendere le dinamiche di gioco.

Per la produzione di vari piatti avremo bisogno di numerosi ingredienti, alcuni anche da cuocere, e di macchinari intelligenti che sappiano quando sfruttare gli ingredienti messi a disposizione. Il tutto verrà poi preparato da un assemblatore che realizzerà il nostro piatto, che andrà servito alla finestra delle portate. Attenti però, non è cosi banale come sembra, infatti il primo errore in cui siamo incappati è stato l’infinito lavoro ed il consumo superfluo delle nostre macchine. Quindi dovrete scoprire (ve lo dirà il tutorial) come poter gestire il lavoro del vostro progetto.

Conclusioni

Automachef è un progetto ambizioso, originale e con un lavoro alle spalle non indifferente. Nonostante il titolo sia stato realizzato con Unity, la qualità del gioco non è affatto bassa, anzi riteniamo che la sua realizzazione sia degna di uno dei migliori gestionali di quest’anno. Il gameplay è divertente, non banale e semplice come potrebbe sembrare, e le varie musiche di sfondo accompagnano i nostri progetti alleggerendo la nostra esperienza. Detto questo, siamo soddisfatti del titolo provato e, visti i requisiti di sistema non elevati, potrebbe essere un gioco da portare con sé nel Notebook come passatempo.