Space Engineers, sopravvivi e crea nello spazio – Recensione

Space Engineers recensione

A chi non piacerebbe diventare un ingegnere? O almeno sentirsi un ingegnere? Beh in Space Engineers questo è possibile. Space engineers è un Survival Open World pubblicato dalla Keen Software House, caratterizzato da ambientazioni spaziali e progetti all’avanguardia. Il gioco è stato avviato nel 2013 in accesso anticipato, e negli anni ha subito numerose migliorie, scoprite cosa ne pensiamo.

Space Engineers – Recensione

Space Engineers può essere giocato sia in terza persona che in prima persona, ed è possibile personalizzare il nostro astronauta-ingegnere fin da subito. Infatti dal menu principale, la personalizzazione prevede la scelta del sesso, la scelta degli strumenti iniziali e la modifica della nostra tuta spaziale (per portare un po’ di stile anche nello spazio). Si può intraprendere una campagna storica giocabile in Singleplayer, oppure creare pianeti per ospitare una partita libera Online.

Trama

Space Engineers ci introduce nella storia, catapultandoci in una navicella spaziale. Improvvisamente la navicella e l’equipaggio, noi compresi, subiscono un attacco da un gruppo di assalitori. Tra spari e varie distruzioni, riusciamo a rifugiarci sulla Luna, dove è stazionata la nostra base. Notiamo immediatamente un inquietante silenzio, qualcosa non va. Il silenzio è il proseguo di un’invasione nemica, che ha provocato la morte di tantissimi alleati, nonché compagni di viaggio.

Subito dopo la traumatica scoperta, veniamo attaccati una seconda volta da nemici, intenti a toglierci la vita. Sanguinanti e spaventati, riusciamo a raggiungere una navicella e a fuggire su un nuovo pianeta, dove dei nostri compagni ci aspetteranno per preparare al meglio un assalto. Detto questo, dovrete scoprire il motivo di questo crudele attacco, sopravvivere ad altri eventuali attacchi e trovare il modo di rispondere con forza e con armi avanzate, create grazie alle vostre abilità di ingegneri.

Meccaniche

Il gioco si basa molto sul crafting, che consiste nel raccogliere particolari risorse, tramite l’esplorazione dell’ambiente. Tutte le risorse raccolte ci permetteranno di realizzare progetti, oggetti e di modificare l’ambientazione. Infatti in Space Engineers costruirete torrette, lanciamissili, reattori, computer, veicoli e altro ancora. Insomma, c’è davvero da perderci la testa sulla quantità di materiali, che metteranno alla prova tutta la vostra creatività.

Tutti gli oggetti creati, tra cui le armature, vi permetteranno di difendervi dagli attacchi di possibili nemici. Dovrà tenere sempre controllo determinati parametri, ossia la salute, l’ossigeno, l’idrogeno e l’elettricità. Grazie al nostro jet-pack sarà molto più semplice e veloce esplorare il nostro e gli eventuali nuovi pianeti. La modalità di costruzione è molto semplice ed intuitiva, grazie anche ad un pannello di “componenti richiesti” realizzato ad hoc per facilitare le vostre creazioni.

Grafica

Per la creazione di Space Engineers è stato adottato un motore grafico realizzato interamente da Keen Software, il motore VRAGE 2.0. La caratteristica principale è il suo pieno supporto alla tecnologia Voxel. Tutti gli oggetti di questo gioco possiedono delle proprietà dettagliate, che rendono il gioco più profondo. Ogni elemento ha una sua massa, un suo volume e delle caratteristiche variabili in tempo reale, come la velocità. Quindi potrebbero subire delle deformazioni, causate dall’ambiente circostante.

space engineers recensione

Conclusioni

La storia risulta molto intrigante, il genere è il classico Survival, in cui è fondamentale il lavoro di crafting, ciò nonostante non risulta noioso. Alla fine pensiamo che il gioco meriti la vostra attenzione, perché Space Engineers è dotato di ottima profondità, una bella grafica, anche se non ottimizzata al meglio, ed è continuamente aggiornato e modificabile grazie al workshop di Steam. Keen Software House ha speso una notevole quantità di lavoro su questo titolo di Simulazione Open-World, e si vede. Di conseguenza, la nostra valutazione è più che positiva, Bel lavoro!