Returnal: finalmente disponibile sullo store PS5

Returnal-disponibile-su-PS5

Returnal è finalmente disponibile sullo store PS5 ed è da ieri disponibile sul PlayStation Store della PS5. Andiamo a vedere insieme prima di cosa tratta la nuova esclusiva Sony.

Selene, protagonista del gioco, a causa di un guasto è costretta ad atterrare su un pianeta alieno a lei sconosciuto. Ovviamente, il suo intento è quello di trovare una via di uscita per tornare a casa e da sola dovrà combattere con tutta la propria forza per sopravvivere.

Sul pianeta, di nome Atropo, sono presenti deserti, distese di ghiaccio, caverne e tanto altro. Atropo è in mutamento costante ed è per questo che non passerai mai 2 volte nello stesso punto della mappa.

Ciascun luogo della mappa è dotato di clima variabile, polveri che reagiscono alle azioni del giocatore e una vegetazione in continua crescita. Un altro particolare molto interessante è che sul pianeta sono presenti dei viaggi rapidi. Infatti, in un millesimo di secondo è possibile spostarsi in un altro punto del pianeta.

Il problema principale è che a ogni sconfitta lei dovrà rivivere la sua avventura da capo, trovandosi così in un loop infinito. L’ambiente attorno a lei è completamente in rovina, Selene dovrà scappare dal mistero e combattere all’ultimo sangue con la sua sola pistola.

La storia in sé è abbastanza inquietante, uno degli obiettivi principali è quello di ricostruire la memoria di Selene creando però un legame personale con il pianeta.

Returnal: le impressioni sui primi gameplay

returnal gameplay

Le impressioni sul primo giorno di gioco sono per lo più positive. Nello specifico il team giornalistico di Digital Foundry, dopo un breve periodo di prova del gioco ha già espresso i primi pareri dal punto di vista del gameplay e dal punto di vista grafico.

Il team di Digital Foundry afferma che Housemarque (casa produttrice) è riuscita a sfruttare fino in fondo tutta la potenza della nuova PS5. La cura dei dettagli è fatta in maniera maniacale, l’illuminazione gestita dal Ray Tracing è impeccabile e i tempi di caricamento sono praticamente istantanei.

Infine, grazie ad Unreal Engine 4 gli FPS sono quasi sempre fissi intorno ai 60 e si riesce ad arrivare addirittura a una risoluzione di 4K dinamico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.