Mortal Kombat 11: recensione dettagliata del gioco

mortal kombat 11 recensione

Il titolo di cui ti parlerà oggi è stato sviluppato da NetherRealm Studios e pubblicato da Warner Bros. Mortal Kombat 11 è sicuramente uno dei migliori picchia duro sul mercato, di cui oggi faremo la recensione. Si tratta del seguito diretto di MK X ed è undicesimo capitolo della saga. Il titolo ha avuto una trasformazione grafica netta, risultando molto curato sotto questo aspetto.

Infatti, il gioco è stato sviluppato utilizzando una versione diversa dell’Unreal Engine 3, motore grafico che ha reso perfettamente in game. MK 11 è disponibile su tutte le console, oltre ad essere presente anche su Google Stadia sin dal suo lancio. All’interno di questo articolo ti illustrerò nel dettaglio le modalità, i personaggi, la storia e le mie conclusioni dopo un centinaio di ore di gioco!

Mortal Kombat 11: storia e personaggi principali

Nei paragrafi successivi potresti trovare molti spoiler della storia principale e della sua espansione: Aftermath, quindi prima di continuare abbi la certezza di voler leggere tutto. L’espansione di cui ti ho parlato è racchiusa nella Mortal Kombat 11: Aftermath Kollection. In quest’ultima troverai il gioco base, il DLC, Kombat Pack e tutti i contenuti antecedenti al 26 maggio 2020.

Detto questo, la storia riprende il finale di MK X, infatti, nei primi minuti di gioco possiamo vedere Raiden che tortura Shinnok, prima di decapitarlo. Tuttavia, poco dopo fa la sua comparsa un nuovo personaggio: Kronika. Quest’ultima si rivelerà solo dopo che il dio del tuono ha cercato di fermare l’avanzata delle forze del Netherrealm insieme alle forze speciali.

Chi è Kronica?

Kronica si rivela a Liu Kang e a Kitana come la custode del tempo e, per dimostrare i propri poteri, ricostruisce la fortezza distrutta riavvolgendo brevemente il tempo. Kronika, con l’aiuto dei due revenant, unisce passato e presente. Questo fa sì che molti personaggi scomparsi o deceduti siano di nuovo presenti. Tuttavia, il suo obiettivo è rimuovere Raiden. Le forze dell’Earthrealm, con personaggi di epoche storiche differenti, cercano in tutti i modi di fermarla. 

Geras e Frost

Oltre a Kronika faremo anche la conoscenza di Geras, un costrutto immortale alle dipendenze della custode. Geras recupererà il jinsei della terra, necessario per il suo piano. Successivamente rivedremo un vecchio personaggio molto caro a Sub-zero, ossia Frost. L’ex discepola Lin Kuei ha venduto il proprio corpo alla custode del tempo, la quale l’ha potenziata ulteriormente. Sub-zero e Scorpion fermano il piano di Frost, disabilitando la fabbrica di Sektor. Al suo interno infatti, Frost cercava di riprodurre dei Lin Kuei cibernetici che poi avrebbero costituito le fila dell’esercito di Kronika. 

Kano e Cetrion

Dopo aver recuperato Sektor, Geras chiede a Kano del passato di riprodurre in massa robot simili. Il mercenario a capo del dragone nero gli formula un prezzo, ma il Kano del presente lo invita ad accettare il lavoro, siccome ci sarà un posto anche per loro nella nuova era di cronica. Dopodiché Raiden si presenta al cospetto degli dei anziani, tuttavia sono tutti deceduti. Ad accogliere il dio del tuono c’è Cetrion, sorella di Shinnok e figlia di Kronika. Essa infatti gli rivela che la morte degli dei anziani e stata causata delle azioni di Raiden stesso perchè ha distrutto l’equilibrio uccidendo shinnok.

Kitana, Sonya e Scorpion

Kitana, insieme ai Tarkatan capitanati da Baraka e agli Shokan guidati da Sheeva, uccide Shao Kahn diventando la nuova Kahn dell’Outworld. Sonya, dopo essere stata rapita insieme a Johnny da Kano, viene salvata dalla figlia ed uccide il mercenario sparando al Kano del passato. Nel frattempo, Cetrion recupererà la corona della madre presente sull’isola di Shang Tsung. Scorpion si recherà da Kharon per chiedergli di traghettare le truppe dell’Earthrealm fino alla fortezza del Netherrealm. Lo Scorpion del presente, il cui nome è Hanzo Hasashi, viene però ucciso e il suo posto viene preso dal suo alter ego del passato.

Tornato nell’Earthrealm, Scorpion del passato offre il proprio aiuto a Raiden, ma il Dio del tuono non gli crede. Dopo essere stato sconfitto, Liu Kang lo ferma dicendogli che forse avrebbero dovuto ascoltarlo. Liu Kang sta per affrontare il dio del tuono dopo che quest’ultimo ha utilizzato il medaglione di Shinnok contro di lui, ma in quel momento ha una visione. Essa gli rivela che in ogni possibile versione del passato e del futuro lui e Liu Kang si sarebbero sempre scontrati, con la morte conseguente del monaco shaolin.

Capito la faccenda, Raiden decide di cambiare le cose opponendosi a Kronika e al suo volere. Tuttavia la custode del tempo si presenta davanti a Raiden rapendo Liu Kang. Raiden insieme a tutti i combattenti della terra vanno nel Netherrealm e, traghettati da Kharon, arrivano alla Fortezza di Kronika. Il dio del tuono, oltre a disabilitare Frost e la sua armata di nuovi Lin Kuei cibernetici potenziati, affronta il revenant di Liu Kang. Quest’ultimo ha assorbito l’anima di se stesso del passato divenendo ancora più potente.

Liu Kang

Raiden però lo riesce comunque a sconfiggere e, invece di ucciderlo, decide di salvarlo. Assistiamo così alla nascita del nuovo Liu Kang, dio del fuoco e del tuono. Il monaco shaolin, divenuto un dio, affronta le forze del Netherrealm e riesce a sconfiggere Kronika. Impossessatosi della clessidra del tempo, riscrive una nuova era in cui lui, accompagnato da un Raiden ormai senza poteri, sarà il difensore della terra. 

Mortal Kombat 11: Aftermath

Mortal Kombat 11 aftermath

In Aftermath farà il suo ritorno Shang Tsung, temibile nemico della serie. Egli si presenterà dinanzi a Liu Kang e a Raiden insieme a Nightwolf e a Fujin, quest’ultimo fratello minore di Raiden. Questi tre personaggi erano stati banditi da Kronika perché rifiutarono di aiutarla, ma adesso vogliono aiutare il nuovo dio. Infatti, durante il combattimento contro Kronika la sua corona verrà distrutta. Quest’ultima è di vitale importanza per utilizzare la clessidra del tempo.

Shang Tsung, Nightwolf e Fujin si offrono per tornare indietro nel passato. La loro prima idea è di ripristinare Sindel, riesumando il suo corpo e facendolo rigenerare nella camera dell’anima dell’Outworld. L’operazione ha successo e i tre insieme a Sindel recuperano la corona di Kronika. Tuttavia, Shang Tsung trama insieme a Sindel e quest’ultima salva il suo precedente compagno.

Shao Kahn non è deceduto e, dopo essere stato salvato da Sindel, viene rigenerato nella camera dell’anima. Shao Kahn e Sindel si presentano per combattere le forze dell’Outworld, scontrandosi con molti dei combattenti presenti. A questo punto Raiden, Fujin e Jax penetrano nella fortezza. Raiden chiede a Fujin di consegnargli la corona, così da poterla utilizzare per fare piazza pulita.

Quante modalità ci sono in Aftermath?

Konquista

La modalità Konquista si ramifica in 4 modalità a sua volta. Storia, in cui è possibile sia giocare alla storia principale che alla espansione Aftermath. Le Torri del tempo sono torri in cui combatteremo per ricevere delle ricompense varie. Le Torri Klassiche, una volta completate, permetteranno di scoprire il finale di un personaggio. Infine, troviamo l’ultima scelta che è la Kripta.

Storia

Nella modalità storia vivremo le vicende successive a Mortal Kombat X, essendo questo titolo un sequel ufficiale. E’ possibile rigiocare i vari capitoli della storia principale e una volta completato il quarto capitolo sbloccherai Frost. Oltre a questa, è disponibile anche la storia di Aftermath, rigiocabile proprio come quella principale.

Torri del Tempo e Torri Klassiche

Mortal Kombat 11 torri

Le Torri Klassiche non sono altro che la modalità classica di Mortal Kombat. Sfideremo una sfilza di nemici prima di arrivare dinanzi a Kronika. Una volta battuta, sbloccheremo il finale del personaggio che abbiamo scelto. Inoltre, sarà possibile rivedere il filmato anche successivamente.

Le Torri del Tempo sono una variante particolare delle Torri Klassiche. Sono sempre torri, ma si diversificano da quelle Klassiche. Infatti saranno di difficoltà variabile e ce ne saranno di diverse. Inoltre, ti permetteranno di ottenere skin, attrezzature, Konsumabili utilizzabili negli scontri delle torri e le varie valute di gioco.

Oltre ai gettori d’oro sono presenti i frammenti d’anima e i cuori. I frammenti d’anima possono essere accumulati concludendo i combattimenti. Per ottenere i cuori invece dovremo eseguire una Fatality, Brutality o Mercy. Dopo, quando parleremo della personalizzazione, vedremo come aumentare la quantità ricevuta delle varie valute. Ma queste valute sono utili solo in un luogo, ossia la Kripta.

3 torri sono sempre presenti. La prima è quella del personaggio, in cui potrà essere usato solo il personaggio da te scelto. Avrà inoltre ricompense di quel personaggio, come skin, miglioramenti o attrezzature apposite. Il Guanto, che sono varie sfide che ti doneranno tutti i tipi di cosmetici e Kristalli Temporali. Infine, la torre co-op ti permetterà di unirti a giocatori online per sconfiggere potenti nemici e reclamare succulenti bottini.

Kripta

Mortal Kombat 11 kripta

Nella Kripta potremo ottenere vari collezionabili. Infatti troveremo skin, miglioramenti, attrezzature, brutality, provocazioni, introduzioni e tanto altro. In particolare ci saranno 4 tipi di casse diverse. Le casse più comuni sono quelle che apriremo con i gettoni d’oro. Corpi in decomposizione e cilindri fluttuanti di colore verde potranno essere aperte con i frammenti d’anima. Mentre le casse di Scorpion e di Shao Kahn potranno essere aperte con i cuori.

Nella Kripta troveremo anche delle sfere di Kronika, le quali oltre ad essere presenti durante degli eventi (annunciati nella sezione notifiche del sottomenù della Kombat Card) saranno piazzate a random sulla mappa. Non sempre però sarà possibile trovarle. Inoltre per esplorare la Kripta al 100% ci vorrà un bel po’ di ore di gioco.

Mortal Kombat 11: Personalizzazione dei personaggi

Mortal Kombat 11 Personaggi

La sezione Personalizza è divisa in due sezioni distinte, Personaggi e Kollezione. La prima ci permetterà di modificare i nostri personaggi, la seconda invece racchiude tutti i collezionabili ottenuti finora.

La sezione Personaggi, come detto, ci permette di modificare l’assetto del nostro personaggio. Sarà possibile cambiare l’attrezzatura, le abilità, le scene di introduzione e di vittoria e la skin. Ogni abilità ha il proprio costo e avrete un massimo di 3 punti per le abilità, quindi massimo 3 abilità speciali in più. Alcune di queste sostituiranno altre, ad esempio la Spallata Gelida di Sub-Zero sostituisce la scivolata.

Le skin del personaggio potranno essere ottenute continuando la storia, sbloccandole nelle torri o trovandole nella Kripta. Alcune invece, come Klassic Kitana o Shredder Sub-Zero (nella foto è la skin a destra di quella selezionata) potranno essere reclamate solo nel Negozio in cambio dei Kristalli Temporali.

Ultima parte la dedicherà ai miglioramenti. Quei simboli sotto le attrezzature sono i miglioramenti e ce ne sono di diversi tipi. Alcuni aumentano la quantità di gettoni o cuori ottenuti, altri aumentano il danno che infliggono le tue mosse speciali e altri ancora riducono i danni che subisci. Ce ne sono davvero moltissimi e potrai sbizzarrirti a creare l’attrezzatura più adatta al tuo stile di gioco.

La sezione della Kollezione ci permetterà di visualizzare i bozzetti dei vari personaggi che troveremo nella Kripta. Potremo vedere anche alcuni scenari ed altro ancora. Potremo consultare questa sezione per rivedere, una volta sbloccati, il finale di un particolare personaggio.

Mortal Kombat 11: Gameplay

Mortal Kombat 11 gameplay

Mortal Kombat 11 riprende dal suo predecessore l’interagibilità con lo scenario. Tuttavia non si tratta di una semplice copia di qualcosa già visto, piuttosto si tratta di un’evoluzione. Il gioco, in aggiunta, introduce i Colpi Devastanti, i quali recano molti danni, ma posso essere eseguiti una sola volta per match. Detta così sembra complicato, ma ti spiegherò precisamente come utilizzarli.

Un esempio comune di Colpo Devastante è il solito montante che se si tratta è una Punizione o di un Kontrattacco (capirai il significato di questi termini nel tutorial) allora infliggerà un Colpo Devastante.

Altro esempio può essere il calcio con una breve corsa di Sub-Zero, se colpisci il nemico per due volte di fila senza che lui riesca a pararsi produrrai un Colpo Devastante. Tutti i Colpi Devastanti ti vengono segnalati nel menù delle mosse.

Tornando agli scenari, alcuni oggetti produrranno un Colpo Devastante unico. Al costo di una barra di difesa potrai utilizzare un arma dello scenario, che una volta usata scomparirà. Può essere un martello, una lancia oppure una sega elettrica. Altri oggetti invece potranno essere lanciati contro il nemico oppure ti permetteranno di fare un balzo per allontanarti o avvicinarti al tuo avversario.

La barra di difesa e quella di attacco sono caratteristiche fondamentali. Dovrai capire bene come fermare una combo nemica o quando avrai bisogno di amplificare i tuoi attacchi per finire l’avversario. Infine, quando si ha 1/3 della propria barra della salute è possibile effettuare un Fatal Blow. Il Fatal Blow ci permetterà di infliggere gravi danni al nemico, tuttavia potremo usarlo una sola volta per match e se fallisci nell’utilizzarlo dovrai aspettare qualche secondo per poterlo riutilizzare.

Conclusioni

Il gioco è tremendamente interessante, complice le molte aggiunte in termini di personalizzazione e longevità. Anche se sono cresciuto con la serie di MK, non mi sarei mai aspettato di restare incollato allo schermo per due settimane totalizzando più di 100 ore di gioco.

La Kripta è molto interessante, riprendendo concetti vecchi di esplorazione invece delle modalità degli ultimi titoli. L’interessante aggiunta delle teste hanno fatto sì che rimanessi a giocare anche più del dovuto. Per ottenere una testa mozzata di un personaggio dovrai eseguire 25 Fatality su quel particolare personaggio. Contando che sono 25 personaggi, significa eseguire in tutto 625 Fatality. Una volta posizionate le teste otterrai delle ricompense.

Ma che motivo c’è per fare tutte queste Fatality? Sbloccare la sala del trono di Shang Tsung. Essa, insieme alle sfere di Kronika, è l’aggiunta più interessante e ricca della Kripta. Ci saranno scrigni da 25 mila gettoni che conterranno tesori preziosi ed unici, ma solo recuperando tutte le teste potrai accedere all’intera stanza. La prima parte la sblocchi posizionando 10 teste, la seconda parte posizionandone 15 e l’ultima parte la sblocchi collocandole tutte.

La personalizzazione è davvero il punto forte del gioco. Personaggi come Scorpion o Sub-Zero hanno molti costumi ed attrezzature diverse. Facendo un rapido calcolo ci sono circa 27 mila combinazioni uniche.

Insomma, per farla breve, questo titolo mi è piaciuto davvero molto, mi ha tenuto incollato per molto tempo e a distanza di quasi un mese dall’acquisto continuerò a giocarlo. Unica pecca è la storia, pezzo del gioco che poteva dare davvero tanto e coinvolgere molti personaggi. Ci sarebbero tante domande da fare al riguardo, ma non ha senso dopo l’uscita di Aftermath.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.