monster boy recensione

Monster Boy and The Cursed Kingdom – Recensione

Per gli amanti dei Platform e dell’avventura, la nota azienda FDG Entertainment, famosa per titoli come Oceanhorn, ha pubblicato un nuovo gioiello videoludico. Stiamo parlando di Monster Boy and The Cursed Kingdom, sviluppato da The Game Atelier, pubblicato nel 2018 per Switch, Xbox One e PS4, e a luglio 2019 per Windows. Il gioco è disponibile su Steam dal 25 luglio ed ha riscosso già tanti feedback positivi. Scopriamo insieme nella nostra recensione quali sono i punti di forza di questo titolo.

Monster Boy and The Cursed Kingdom: Recensione

Monster Boy and The Cursed Kingdom è un grande progetto ispirato dal gioco Wonder Boy in Monster World, un classico platform pubblicato negli anni 90. Wonder Boy fu sviluppato da Westone Bit Entertainment, dall’idea di Ryuichi Nishizawa, e proprio quest’ultimo ha partecipato alla nuova versione del titolo, creando il divertente ed il coinvolgente Monster Boy.

Meccaniche

Monster Boy and The Cursed Kingdom meccaniche

Il gioco dà il via alla sua avventura grazie ad una disavventura, causata da qualcuno a noi molto vicino, che sta perseguitando il regno. Il protagonista, di nome Jin, incredulo a quello che sta accadendo si ritrova a dover inseguire, con nostro fratello Zeke, lo zio Nabu che, grazie ad un magico scettro, sta trasformando e distruggendo il villaggio di Lupia. Proprio a causa di Nabu, Jin e suo fratello Zeke vengono trasformati in animali, quest’ultimi daranno al protagonista delle nuove abilità e capacità combattive.

Con una grafica in Full HD e 60 fps, stupendi disegni realizzati a mano e 15 ore di gioco, FDG apre il sipario ad un titolo ricco di incredibili musiche, ed una colonna sonora composta dai più celebri compositori giapponesi come Yuzo Koshiro. Questi sono tutti i buoni presupposti per spingere gli utenti a provare il gioco e riuscire a sbloccare tutti i 6 personaggi di Jin ed ottenere tutti i potenti equipaggiamenti nascosti nelle mappe.

Gameplay

Il gioco si presenta come un Platform a scorrimento orizzontale, con grafiche realizzate a mano ed un coinvolgente gameplay. Il vostro obiettivo sarà quello di trovare i percorsi segreti nascosti nella mappa, sconfiggere i nemici e potenziare il vostro amico Jin, fino ad arrivare al boss finale del livello. Ad esempio uno dei primi nemici affrontati all’inizio del gioco è un polipo gigante trasformato da nostro zio, il quale approfitta di ogni occasione per soddisfare la propria sete di alcool (si, avete un parente ubriacone).

Monster Boy and The Cursed Kingdom gameplay

Tutte le abilità dei personaggi del gioco saranno sbloccate nel corso della nostra avventura, e le monete guadagnate dall’uccisione dei nostri nemici, ci permetteranno di riattivarle e di acquisire nuove armi ed altri equipaggiamenti. Quindi all’interno dei livelli troverete dei negozi, che offriranno gli oggetti più utili al completamento della mappa.

Conclusioni

Monster Boy and The Cursed Kingdom è sicuramente uno di quei titoli che ti coinvolge sotto ogni aspetto. Partendo dalla bellissima grafica, dalle animazioni (realizzate a mano) molto elaborate per sfociare in musiche coinvolgenti e piene di carica. Per tutta la durata della run, la nostra esperienza di gioco veniva stimolata dai nuovi percorsi, nuovi personaggi e da un’atmosfera di qualità elevatissima. Il gameplay è abbastanza rapido e divertente, e nonostante le continue morti, non mancava mai la voglia di riprovarci e cercare di terminare il gioco. Insomma questa è per noi una degna rivisitazione di Wonder Boy e pensiamo che la sua stupenda colonna sonora sia solo la ciliegina sulla torta (viva la banalità) di un dolce prelibato.