Legends of Runeterra – Provato

Legends of Runeterra – Provato

Lo attendevo da moltissimo tempo, e da fan di League of Legends non posso che essere entusiasta di aver provato il nuovo titolo di Riot Games. Stiamo parlando di Legends of Runeterra.

Si tratta di un gioco di carte, a tratti simile ad Heartstone, che utilizza i protagonisti del noto MOBA per creare bellissimi mazzi di gioco e partite divertenti, sia contro l’IA e sia contro altri giocatori, in partite classificate.

Legends of Runeterra – Prime impressioni

Avendo effettuato la pre-registrazione, ci è stato possibile testare il gioco a partire dal 23 gennaio, quindi il gioco non è al termine del suo sviluppo. Nonostante ciò, il primo impatto è stato più che positivo, infatti, dopo pochissimo tempo impiegato a capire le meccaniche di gioco, si viene travolti dalla voglia di avviare altre partite e migliorare la propria strategia.

Le meccaniche di Legends of Runeterra sono molto semplici, avrete una vita del nexus da difendere, dei mostri e degli incantesimi da evocare, in base alle esigenze alla quantità di mana che potete consumare. Ogni incontro avrà turni alternati per lo scontro, ossia il combattimento si divide in attaccante e bloccante.

Se l’avversario deve attaccare, voi dovrete schierare i migliori tank ed i migliori incantesimi per difendervi. Al contrario, se è il vostro turno per attaccare, giocate i vostri mostri più forti sfruttando i rispettivi poteri per azzerare la vita del nexus avversario.

Le regole sono molto semplici, ma le strategie da attuare per riuscire a vincere sono molteplici. All’inizio del gioco avrete a disposizione diversi livelli che vi aiuteranno a capire la maggior parte delle strategie disponibili con i vostri mazzi. Alla fine, toccherà a voi trovare il deck più adatto e la strategia migliore secondo la vostra esperienza.

Detto questo, Legends of Runeterra ha senza dubbio rispettato le aspettative, e non vediamo l’ora di scoprire come si evolverà con i prossimi aggiornamenti. Se avete provato anche voi il titolo, fateci sapere nei commenti cosa ne pensate.

Pubblicato da Raffaele Tamigi

Mi chiamo Raffaele Tamigi, sono uno studente di Culture Digitali e della Comunicazione ed un appassionato di tecnologia e dei meccanismi che regolano il web. Alle spalle possiedo anni di esperienze e di collaborazioni su diversi siti, con cui collaboro tutt'ora. Mi dedico anima e corpo allo studio della SEO e a trovare i migliori prodotti da consigliare alla mia community.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.