Le cuffie bluetooth fanno male al cervello e alle orecchie?

le-cuffie-bluetooth-fanno-male

Come molti sapranno, anche grazie alle avvertenze dei propri smartphone, ascoltare gli audio ad alto volume per troppo tempo con le cuffie può danneggiare il tuo udito. Per questo motivo, Apple ha introdotto la funzione “headphone notifications” per informarti che un uso di 40 ore negli ultimi 7 giorni delle cuffie sopra gli 80 decibels può farti male. Questo vale per qualsiasi tipo di cuffie, che siano bluetooth, wireless o con il filo.

Poiché soffrire di problemi di udito può influenzare la vita quotidiana di una persona, è essenziale che le persone siano consapevoli di ciò che mette il loro udito a rischio. Danni a lungo termine si possono evitare se si fanno le giuste accortezze. Di seguito, Katie Ogden, responsabile della formazione per ReSound spiega il perché non dovresti assolutamente ignorare i messaggi di pericolo.

Le cuffie per dormire fanno male?

Per rispondere alla domanda con cui si apre l’articolo, qualsiasi livello sonoro superiore a 85 dB può essere dannoso per le orecchie, soprattutto se vi sono esposte per un lungo periodo di tempo. Questo vale anche per chi usa sottofondi per dormire la notte. Per chi supera i 100 dB, addirittura rischia di perdere l’udito, quindi anche su iPhone, iPod o Apple Watch riceverai avvisi sull’utilizzo delle cuffie. Se dovessi ignorare le notifiche, il livello al prossimo ascolto verrà comunque abbassato ad un livello inferiore.

Le nostre orecchie funzionano attraverso una reazione sensoriale nel cervello che segue la vibrazione di minuscoli peli all’interno dell’orecchio interno. I movimenti nell’aria fanno vibrare questi peli in modi diversi ed è così che siamo in grado di sentire suoni diversi.

La musica ad alto volume aumenterà l’intensità di queste vibrazioni e se continui ad ascoltare musica ad alto volume, per un periodo di tempo prolungato, peli non saranno in grado di funzionare correttamente. La loro sensibilità sarà compromessa e ci vorrà tempo per recuperarla, un po’ come accade ai concerti e nelle discoteche, quando hai la sensazione di non sentire più bene come prima.

Cosa fare per prevenire danni alle orecchie?

La prima cosa è prestare attenzione alle notifiche di avvertenza che ricevi dal tuo smartphone. Dopodiché, potresti pensare di prenderti una pausa di quindici minuti ogni ora e di abbassare i decibels. Le nostre orecchie si sono evolute per ascoltare suoni delicati e a basso livello, mentre sono poche adatte a resistere con rumori forti.

Prestando attenzioni a questi dettagli si eviterà un danno permanente ai peli delle nostre orecchie che non riusciranno più a vibrare. Ciò vale anche per usa le cuffie per giocare perché nei videogiochi spesso e volentieri la musica è una parte centrale dell’esperienza. Quindi per riassumere, gli step per proteggere le tue orecchie sono i seguenti:

  • Abbassa il volume sotto gli 80 decibels, così puoi ascoltare la tua musica per un giorno intero senza recare danni all’udito.
  • Imposta un limite di volume attraverso le impostazioni del tuo smartphone.
  • Se ascolti musica in ambienti rumorosi, usa cuffie con cancellazione del rumore per evitare di dover alzare il volume.
  • Riduci il tempo di ascolto, evita audio non necessari.
  • Fai un test dell’udito online, tramite ReSound, della durata di 3 minuti con le tue cuffie o altoparlanti in un ambiente tranquillo.

Questo articolo è stato realizzato grazie alla collaborazione con ReSound che ha pubblicato questo articolo in inglese sul proprio sito. Se hai apprezzato il nostro lavoro, seguici su Facebook per non perderti altri post.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.