Halo Infinite: recensione

halo-infinite-recensione

Non ero mai stato, fino ad oggi, un grande fan della serie più amata dai videogiocatori PC e Xbox. In verità, con la vecchia console Xbox 360 mi era capitato di provare qualche titolo, ma nessuno aveva attirato la mia attenzione come questo Halo Infinite. Nella recensione di oggi non mi voglio soffermare sulla trama, ma proverò a spiegarti le mie sensazioni.

Il gioco è uscito per PC e Xbox One, Series X/S il 15 novembre 2021 e ho avuto modo di provarlo grazie all’abbonamento Xbox Games Pass Ultimate. Se non l’hai ancora fatto, ti consiglio di provare il suo catalogo e di testare il servizio Cloud a 1 euro il primo mese.

Halo infinite: cosa penso della campagna

Le ambientazioni tipiche del mondo Halo non mi hanno mai convinto fino in fondo, ma stavolta il capitolo Infinite è riuscito a catturare la mia attenzione. Il comparto grafica è molto apprezzabile così come i suoni, anche se il doppiaggio del Master Chief è da rivedere. Il gameplay è molto divertente, con diverse armi da sfruttare all’occorrenza, e si tratta di un esempio perfetto di FPS fatto con i fiocchi. Si spara tantissimi ed è incredibilmente piacevole farlo, un po’ come accade in DOOM.

Anche se non sei un esperto di questo genere, come me, puoi tranquillamente avanzare nella storia. Il ritmo di gioco si alterna con momenti molto frenetici a pause di esplorazione per recuperare e prepararsi al prossimo scontro. La storia di per sé non è nulla di originale, ma non dispiace minimamente. Non avendo giocato ai precedente titoli, potrei aver ignorato qualche dettaglio che ai più sicuramente non sfuggirà.

Conclusione: mi piace?

Il gioco di Halo Infinite è sicuramente un altro successo di Microsoft che regalerà tante gioie ai fan della serie. Gli sviluppatori hanno fatto un ottimo lavoro con la gestione dei nemici e la loro intelligenza. Gli scontri sono dinamici e mai troppo lunghi, la grafica eccezionale e il frame rate super stabile. Insomma, se dobbiamo dirla tutta il gioco mi è piaciuto e pure tanto.

Con questo non voglio dire che sono diventato un fan di Halo, ma sicuramente proverò anche i nuovi titoli. Il fattore open world di questo titolo è un valore aggiunto, ma la verità è che resti comunque circoscritto in un certo spazio di gioco. L’unica pecca è che forse le missioni si svolgono in ambientazioni un po’ troppo simili e a volte si ha la sensazione di fare la stessa cosa più volte, ma per il resto è apprezzabilissimo.

Se non vuoi perderti altre recensioni, puoi seguirci su Facebook dove condivideremo le prossime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.